I colori delle farfalle

I lepidotteri, comunemente detti farfalle, sono gli insetti più belli da vedere, per le loro ali variopinte.

Ne esistono moltissime forme e specie, e si dividono in due grandi categorie: le farfalle diurne, dai colori sgargianti e le farfalle notturne, o falene, che hanno invece delle tinte piuttosto smorte.

Entrambe ci indicano che l’ambiente circostante è ancora buono, dal punto di vista della natura, è salubre. Dove volano le farfalle infatti la natura è ancora sana e non contaminata da sostanze nocive.

Questi piccoli insetti infatti sono particolarmente sensibili alle alterazioni ambientali ela loro assenza dev’essere considerata un campanello d’allarme dell’inquinamento. Continue reading “I colori delle farfalle”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Ricetta delle cartocciate siciliane

Oggi ci propongo una ricetta buonissima, quella delle classiche cartocciate siciliane che potete trovare nelle rosticcerie e nei bar.

Sono facili da preparare e lo stesso impasto può essere utilizzato anche per le pizzette

Nella ricetta che vi propongo c’è solo una variante: io non utilizzo lo strutto, ma vi assicuro che il risultato sarà comunque perfetto. 

Ingredienti per l’impasto di 6 cartocciate: Continue reading “Ricetta delle cartocciate siciliane”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Mandala di sabbia

Vi chiederete da dove nasce l’idea di realizzare dei mandala di sabbia.
In realtà, come forse sapete se ogni tanto visitate questo blog, mi piace sperimentare nelle attività creative. Svolgo spesso lavoretti che mi mettono di buon umore, anche con le mie bambine. 

Inoltre i mandala non sono semplici disegni geometrici, poiché disegnare un mandala aiuta a raggiungere uno stato di calma interiore.

Se proverete anche soltanto a colorare un mandala dai contorni già disegnati, vi accorgerete che questo vi aiuterà a rilassarvi.
Ultimamente perciò ho voluto provare a realizzare dei mandala materici, con la sabbia colorata.
In effetti l’utilizzo di sabbia per realizzare i mandala è abbastanza antica, e richiama tradizioni non del tutto perdute.

Ma penso che possa essere interessante riprendere ciò che di bello ci donano le tradizioni, per poi adattarle alla nostra creatività e immaginazione. Continue reading “Mandala di sabbia”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Teorie complottiste e Agenda 21


In un periodo di sconvolgente cambiamento come quello attuale, non ho mai dato peso alle teorie complottiste, considerando che la Natura talvolta reagisce in modalità inaspettate ai soprusi dell’essere umano sul pianeta terra. E che periodicamente possono esserci per esempio dei virus che colpiscono l’uomo.
In effetti credo che, pur con sfumature diverse, possiamo essere tutti piuttosto d’accordo circa il fatto che l’essere umano stia distruggendo il pianeta.
Del resto non ritengo di essere una persona di quelle che sono convinte di avere tutte le risposte, ma ho il cattivo vizio di pormi sempre nuove domande e di leggere per informarmi.
Così ad esempio qualche settimana fa mi è capitato di leggere alcuni articoli circa il trend di innalzamento delle temperature globali e circa le conseguenze climatiche irrimediabili a cui andiamo incontro. Il fatto che continuando di questo passo le aree costiere saranno sommerse entro la fine del secolo e che la geografia mondiale ne risulterà modificata.
Queste informazioni non fanno altro che confermare la mia percezione.
L’essere umano sta distruggendo il pianeta.
Ieri però (sempre a causa del mio cattivo vizio di leggere) mi sono imbattuta in un articolo riguardante Agenda 21. Per chi non avesse mai sentito parlare di Agenda 21 o non ricordi, vi dico che si tratta di un documento dell’Onu, contenente le linee guida delle Nazioni Unite sul tema della sostenibilità. Linee guida che tutti i Paesi dovrebbero adottare, affinché la vita su questo pianeta non sia compromessa nell’arco di pochi anni.
Attraverso i principi dell’Agenda 21, ci viene ricordato continuamente che non abbiamo “diritto” sulle risorse di questo pianeta. Questo valore per me è assolutamente condivisibile, perché credo che sia fondamentale rispettare il luogo in cui viviamo, da tutti i punti di vista, e a tuttii livelli. Credo che la Terra dovrebbe essere curata, amata, e che dovremmo gestire in maniera più responsabile l’inquinamento.
Ma il fatto che su un documento guida internazionale come Agenda 21 si sottolinei più volte questo tratto, ha un significato non soltanto di valore, ma di “azione”. E l’azione si fa anche con metodologie drastiche.
Avevo avuto già modo di leggere alcune parti di questo documento nel 2017, mentre svolgevo un Master universitario in “creazione di progetti sociali e sviluppo locale”. E, proprio durante il master, avevo avuto la possibilità di approfondire e comprendere un concetto importante e cioè che quando in un documento ufficiale si utilizzano dei termini generali per il raggiungimento di determinati obiettivi, nella pratica non è tutto rosa e fiori. Ci sono dietro strategie politiche ben precise e concordate, anche se non sempre condivisibili.
Il progetto di Agenda 21 già allora mi sembrava ambizioso, per non dire utopico. Ad esempio l’idea di raddoppiare la produttività alimentare per “eliminare” la fame nel mondo, oppure l’idea di effettuare una forte campagna contraccettiva per limitare in maniera drastica le nascite, soprattutto nei paesi del terzo mondo, mi sembravano processi talmente lunghi e complessi, da non poter minimamente sperare di raggiungerli in così pochi anni.
Infatti siamo già al 2021 e mi sembra evidente che quegli obiettivi non sono stati raggiunti. Nella successiva agenda 2030 (vedi il sito del governo italia) si attribuisce la colpa del rallentamento al raggiungimento di questi obiettivi al covid, ma mi sembra abbastanza evidente che ciò che è accaduto nell’ultimo anno non abbia nulla a che fare con obiettivi di sostenibilità. O no?
Il fatto è che per invertire certi processi sociali (come la diminuzione della natalità) è necessario capovolgere la mentalità sociale. Ma, come sa bene chi conosce un pizzico di sociologia, un mutamento della mentalità collettiva non è cosa da poco.
Però adesso mi viene in mente una cosa. Vi ricordate quando l’anno scorso, durante il primo lockdown, dopo un mese in cui le automobili erano ferme e le fabbriche eeano chiuse, si ridussero le emissioni di anidride carbonica e l’inquinamento?
Un mese. È bastato un mese di chiusura, di limitazioni agli esseri umani, e la Terra ha ripreso a respirare.
Allora quando agenda 21dice che siamo troppi su questo pianeta, dice qualcosa che oggettivamente è vero. E allora, per raggiungere tutti gli obiettivi di sostenibilità previsti da agenda 21, in che modo si può realizzare in maniera rapida uno spopolamento mondiale del 90% entro il 2030?
Se mi guardo intorno oggi, forse la risposta che auspicava e che auspica l’ONU, è già in corso.
Questa risposta darebbe senso anche all’enorme attenzione mediatica con cui si sta gestendo questa pandemia. Darebbe senso anche l’accurato conteggio dei morti, se l’obiettivo che si intende raggiungere è numerico.
Non ho mai dato peso alle teorie complottiste ma forse potrei cominciare oggi.

Continue reading “Teorie complottiste e Agenda 21” Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Allergia al nichel e fiori di bach

Qualcuno potrebbe chiedersi che cosa abbiano a che fare l’allergia al nichel e fiori di bach.

Come forse saprete, se avete letto altri miei articoli di questo blog, gli approfondimenti circa il tema dell’allergia al nichel nascono tutti dalla mia esperienza diretta e personale. E nascono soprattutto dall’esigenza di trovare una soluzione che mi permettesse di convivere serenamente con la mia allergia.

Sono approdata ai fiori di bach soltanto dopo aver sperimentato sulla mia pelle varie “soluzioni” che mi aiutassero a depurarmi dal nichel, come potete leggere ad esempio negli articoli:

Consigli per disintossicarsi dal nichel: 7 cose da sapere poco conosciute

Come guarire dall’allergia al nichel con l’oil pulling

Mal di testa: c’è sempre una causa.

Alcune delle esperienze che ho fatto per disintossicarmi sono state davvero utili, come enterosgel che “funziona” in tempi rapidi, o come la zeolite, che ha il vantaggio di non venire assorbita dell’organismo.

Continue reading “Allergia al nichel e fiori di bach” Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Aglio proprietà

Aglio proprietà

L’aglio è una pianta umile e spesso bistrattata per il suo odore intenso, ma la saggezza rurale ci insegna che è indispensabile nella nostra cucina e per il nostro benessere.

Nella cultura tradizionale l’aglio infatti è considerato una sorta di farmaco universale, benefico per ogni genere di disturbo.

È stato persino definito “l’aspirina del medioevo” ed ha sempre trovato un posto irrinunciabile nell’orto, non soltanto per la facilità con cui può  essere coltivato ma anche per i tanti benefici che porta alle piante che lo circondano.

Infatti basta prendere uno spicchio d’aglio e riporlo (anche dentro a un vaso) un centimetro sotto terra, per veder germogliare e crescere entro pochi giorni una nuova piantina. Inoltre il suo odore intenso e inconfondibile tiene lontani gli insetti nocivi, persino dai fiori più profumati come le rose e dal delicato basilico. Continue reading “Aglio proprietà”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

L’intelligenza delle piante

L’intelligenza delle piante.

A volte non prestiamo attenzione al fatto che condividiamo il nostro pianeta, con altri esseri viventi.

Noi umani non siamo da soli a gestire lo spazio e le risorse che questo pianeta ci dona. Oltre che con gli animali, dobbiamo convivere con le piante, le quali sono indispensabili per la nostra vita, grazie alla fotosintesi clorofilliana che ci dona ossigeno, e a tutti i nutrienti di cui usufruiamo.

Nonostante le piante esistano da prima della comparsa dell’uomo e nonostante il perfetto equilibrio che esse sono in grado di mantenere nei confronti dell’ambiente che le circonda, riteniamo erroneamente le piante come esseri inferiori e insensibili. Continue reading “L’intelligenza delle piante”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

In cammino verso Compostela di Beatrice Masci

Il libro intitolato In Cammino Verso Compostela, (diario di bordo scritto con i piedi) è una storia in cui l’autrice, Beatrice Masci, si sofferma a parlarci del cammino concreto e pratico di coloro che decidono di percorrere la via che conduce sino a Compostela. Queste pagine rappresentano un diario di viaggio, ma non solo. La strada infatti viene descritta da alcuni personaggi inconsueti, ognuno dei quali rimane fermo sul proprio punto di vista, quasi mai in accordo con quello degli altri.

In Cammino Verso Compostela è una lettura ironica, con cui l’autrice ci racconta un’avventura durata trentotto giorni, che si è svolta lungo un percorso già segnato da secoli, ma è anche un percorso che riesce ad essere unico e nuovo per ogni essere umano che lo percorre.

In questa storia prendono voce e pretendono di avere voce: i piedi, il cervello e il cuore. Perché quando affrontiamo qualsiasi esperienza nuova, ogni parte del nostro corpo ne è coinvolta, anche se di solito non ce ne rendiamo conto. Ma talvolta è proprio ascoltando ciò che ci dice il corpo che si possono trovare le risposte più semplici, ai quesiti più complessi.
Una storia scritta con leggerezza ma che riesce comunque a mostrare l’importanza di vivere con pienezza il proprio cammino individuale, qualunque esso sia e ovunque ci conduca.

******

Puoi vedere questo libro su Amazon:

In Cammino Verso Compostela

______________________

Altri libri della stessa autrice:

Vado a vivere in campagna: istruzione per l’uso.

______________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La via del Guerriero di Pace di Dan Millman

Cronache di redazione: un romanzo ironico e originale

Il SenzaVoce di Maria Fazio

______________________

Home

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La via del Guerriero di Pace di Dan Millman

La via del Guerriero di Pace


Certi libri non raccontano solo una storia ma intraprendono con il lettore un viaggio, lo accompagnano lungo una strada nuova, per mostrargli che si può cambiare prospettiva e che la vita può riservarci nuove sorprese ed emozioni intense e vere.
Certi libri ci restano dentro più di altri, perché ci parlano del cammino umano, del nostro essere umani. La via del Guerriero di Pace è uno di questi libri.

Continue reading “La via del Guerriero di Pace di Dan Millman” Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Ricetta: Granita al cioccolato siciliana

Ricetta: granita al cioccolato siciliana

Se desiderate gustare una deliziosa granita al cioccolato siciliana, ecco per voi la mia ricetta collaudata.

La granita al cioccolato è semplicissima da preparare, anche senza gelatiera, con pochi ingredienti ed è ottima non soltanto per sorprendervi e per sorprendere i vostri cari con una colazione speciale, ma anche per sostituire un pasto principale con qualcosa di fresco, per esempio un pranzo al ritorno dal mare, oppure dopo aver trascorso una lunga giornata piena di impegni, in cui vi siete sentiti accaldati.

Vi consiglio inoltre di accompagnare questa granita con una classica brioche oppure con del pane bianco morbido.

Ecco a voi la ricetta.

Ingredienti:

40 gr di cacao amaro;

130 gr di zucchero semolato o zucchero di canna grezzo;

– una spolverata di cannella;

400 gr acqua

Preparazione:

Mettete in un pentolino il cacao, lo zucchero e la cannella. Mescolate e aggiungete poco per volta l’acqua.

Quando gli ingredienti si saranno amalgamati, accendete il fuoco a fiamma bassa per qualche minuto, finché lo zucchero e il cacao saranno del tutto sciolti.

A questo punto spegnete e lasciate raffreddare.

Non appena il vostro preparato sarà tornato a temperatura ambiente, potrete mettere in freezer.

Basteranno un paio di ore e la granita al cioccolato sarà pronta.

😉

___________________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ricetta: Pane nichel free

Ricetta: Cantucci al Cacao

___________________________

Home

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail