Quando i bambini non mangiano: consigli utili

Quando i bambini non mangiano che cosa si deve fare?bambini non mangiano

Pediatri e educatori hanno una percezione dell’alimentazione dei bambini che è molto diversa rispetto a quella che hanno la maggior parte dei genitori. Solitamente l’invito nei confronti dei genitori è quello di non essere troppo apprensivi e di non accanirsi se un bambino rifiuta di mangiare.

Se un bambino non mangia o ha mangiato oppure mangerà.

bambini non mangianoNessun bambino infatti si lascia morire di fame, e il fatto che ci sia una carenza di appetito può significare che per esempio c’è stata una precedente merenda troppo ravvicinata oppure troppo nutriente.

Ci sono molti bambini che per una loro predisposizione mangiano una quantità di cibo che a noi genitori sembra troppo poca.  In realtà per la maggior parte dei casi si tratta di una porzione più che sufficiente per consentire loro un buono sviluppo. bambini non mangianoCe ne rendiamo conto dal fatto che il bambino comunque cresce. In questi casi si dovrebbe semplicemente lasciare che si nutrano secondo le loro effettive necessità fisiche.

Come deve comportarsi un genitore?

bambini non mangianoLa cosa più importante è che l’esperienza del mangiare non diventi per il bambino (e quindi anche per il genitore) un motivo di stress o di ansia. Il momento di mangiare dev’essere un momento sereno; arrabbiarsi o insistere eccessivamente sono due atteggiamenti controproducenti.

Soprattutto è importante evitare di utilizzare il cibo come ricompensa o punizione.bambini non mangiano

L’atteggiamento migliore da assumere da parte di un genitore è quello neutro. Ade esempio: “Non hai fame? Mangerai quando ne avrai”.

Nonostante alcuni bambini possano avere un rifiuto nei confronti del cibo e di alcune tipologie di alimenti in particolare, è importante riuscire ad apportare tutte le sostanze nutritive necessarie ad uno sviluppo corretto. Nel caso in cui un bambino non accetti di mangiare alcuni cibi indispensabili per la sua crescita può essere utile inventarsi soluzioni divertenti per coinvolgerli.

bambini non mangianoPer esempio per i bimbi a cui il cibo sembra sempre troppo può essere utile proporre un piatto contenente piccole porzioni, ed eventualmente aggiungere ulteriore quantità di cibo successivamente. Per quelli che non amano vedere alcuni colori nel piatto ci si può aiutare con il colore della porcellana del piatto stesso o con l’abbinamento di altri ingredienti.

Per i bimbi pigri o distratti ad esempio un metodo che funziona sempre è quello di trasformare il piatto in un personaggio buffo.

Un’altro metodo per avvicinare i bimbi al cibo è quello di chiedere il loro aiuto in cucina: invitarli a mescolare, ad assaggiare, ad apparecchiare la tavola e ha sporcarsi le manine. In questo modo il bambino instaura una relazione serena non soltanto nei confronti del cibo ma anche nella preparazione dei pasti.

______________________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Come è cambiato l’apprendimento dei giovani di oggi

Come si addormentano serenamente i bambini

Comprendere il significato dei disegni dei bambini

I bambini amano colorare il Natale

______________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code