Caro amico ti scrivo… la distanza della comunicazione

Caro amico ti scrivo…

Oggi mi rimbalza in testa il verso di questa canzone di Lucio Dalla del 1979.

A pensarci bene “l’anno che verrà” ha rappresentato un pezzo importante della storia della musica ma ciò che mi fa venire in mente questo primo verso della canzone è quanto sia cambiata la nostra società nel modo che abbiamo di comunicare.


Chi scrive lettere oggi? Forse ormai nessuno.

Usiamo: mail, whatsapp, sms, mms ma quasi mai lettere, se non per alcune comunicazioni ufficiali.

“...ti scrivo… così mi distraggo un po‘. E siccome sei molto lontano più forte ti scriverò”.

Il termine lontano non ha più lo stesso senso che aveva trentasette anni fa. Perchè i mezzi di comunicazione che utilizziamo oggi hanno diminuito le distanze fisiche.

Ormai le distanze non si misurano più in termini di chilometri ma del tempo necessario per raggiungere la persona con cui vogliamo comunicare o con cui vogliamo incontrarci.

Una telefonata avviene in tempo reale. Una videochiamata ci da la sensazione di trovarci nello stesso luogo fiisco con il nostro interlocutore. In poche ore di aereo possiamo raggiungere i luoghi più disparati.

Ma c’è una riflessione che mi viene in mente: essere più vicini ci consente di comunicare meglio?

La mia sensazione è che nel cercare di comunicare in modo immediato con gli altri, tendiamo ad essere più superficiali. Cerchiamo di essere più vicini con il maggior numero di persone possibile, ma forse in questo modo finiamo per mantenere una maggiore distanza fisica, perchè i rapporti interpersonali reali vengono sempre più sostituiti da quelli virtuali.

E’ davvero così?

_______________________

Per i cd musicali di Lucio Dalla puoi andare su Amazon:


___________________________

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Comunicare con whatsapp: l’esigenza di essere connessi

Ascoltare con attenzione: che cosa vuol dire

Quando la comunicazione è efficace

Internet: realtà virtuale e vita reale

___________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code