Come calmare l’ansia con le erbe

Articolo di Luisa Fazio

Che cos’è  e come calmare l’ANSIA

Come calmare l'ansiaPer calmarla bisogna innanzitutto conoscerla quindi cominciamo con il definire in che cosa consiste.

L’ANSIA è uno stato psicologico costituito da una sensazione spiacevole, di malessere interiore, incertezza, allarme. É uno stato emotivo spiacevole ma naturale, che avvertiamo alla presenza di un potenziale pericolo, vago e non ancora determinato, e che ci predispone ad uno stato di allarme, vigilanza e attenzione.

L’ansia si manifesta con sudorazione, aumento del battito cardiaco, modifiche della dimensione della pupilla, aumento della respirazione, oltre a pallore, secchezza delle fauci, disturbi gastrointestinali.

Tale normale condizione diventa patologica quando si manifesta in assenza di un pericolo reale o in eccesso rispetto alla causa scatenante, per lunghi periodi e di tale gravità da precludere le attività ordinarie quotidiane. Pertanto l’ansia è una sensazione di paura non legata ad un pericolo reale e spropositata.

Come calmare l'ansiaL’ansia può essere percepita o a livello mentale o corporeo; in caso prevalgano i disturbi fisici si parla di ansia somatizzata.

Generalmente l’ansia si manifesta con quattro modalità. Disturbo d’ansia generalizzato, quando è persistente ed intrusivo; disturbi da attacco di panico, quando si manifesta con improvvisi e ripetuti attacchi di panico, di terrore; fobie, quando si hanno crisi di terrore irragionevole ed inspiegabile legate ad uno stimolo specifico; disturbo ossessivo-compulsivo, in cui si è ossessionati da una idea che induce un comportamento obbligato (ad es. l’ossessione per la pulizia che induce un incontrollato impulso a pulire).

Qui di seguito alcune indicazioni per calmare l’ansia tramite l’ausilio di erbe medicinali. Per dosaggi dettagliati vi invitiamo a chiedere consiglio medico.

 

Come calmare l’ansia: le 16 piante principali
Come calmare l'ansiaPASSIFLORA:

è una pianta erbacea rampicante perenne di cui si utilizzano i fiori e le infruttescenze. Ricerche farmacologiche e cliniche hanno evidenziato una azione sedativa che non influisce sul coordinamento motorio.

Infuso: si utilizzano 2 o 3 gr di pianta essiccata per tazza, si tiene in infusione per 20 minuti, 3 o 4 volte al giorno.

 

GINKGO BILOBA:

è un grande albero originario della Cina di cui si utilizzano le foglie e le gemme.

Come calmare l'ansiaHa azione vasodilatatrice, sui tessuti compresi quelli nervosi. Ricerche cliniche ancora in corso dimostrano una efficacia sui deficit della memoria e sulle prestazioni cognitive.

É controindicata in gravidanza e allattamento, da non usare in concomitanza con anticoagulanti e antiaggreganti. Non associarla a farmaci ad azione depressiva e a derivati dell’acido acetilsalicilico.

 

CENTELLA ASIATICA:

è una pianta rampicante originaria dell’India di cui si utilizzano le parti aeree. Studi preliminari dimostrano un’azione psicotropa e ansiolitica.Come calmare l'ansia

Fare attenzione in caso di diabete e dislipemia, e non associarla a farmaci sedativi.

In rari casi si sono registrate dermatiti da contatto e lievi disturbi gastrointestinali.

 

MELISSA:

è una pianta erbacea perenne con un caratteristico odore di limone, di cui vengono usate le foglie.

Come calmare l'ansiaLa principale azione della melissa è quella spasmolitica e rilassante sulla muscolatura liscia. Questa azione rilassante si manifesta anche a livello gastrointestinale. Inoltre ha una azione ipnotico-sedativa che la indica come pianta adatta nei casi di ansia e insonnia. Uno studio ne ha dimostrato l’efficacia in concomitanza con la valeriana.

Nella medicina tradizionale, altre piante della stessa famiglia della melissa, come ad esempio la maggiorana, vengono indicate in caso di ansia per preparare un  bagno rilassante prima di andare a dormire, aggiungendo all’acqua del bagno qualche goccia di olio essenziale di maggiorana.

Infuso: 2-4 gr in 150ml di acqua bollente in infusione per 20 min, 2-3 volte al giorno.



AVENA:

è una pianta annuale della famiglia delle graminacee, pertanto sconsigliata ai celiaci e tutti coloro che sono allergici alle graminacee. Dell’avena si utilizzano i semi e la paglia che però hanno attività tra loro differenti.Come calmare l'ansia

L’avena ha una azione ansiolitica simile a quella della passiflora e produce un miglioramento del tono dell’umore aumentando la resistenza alla fatica fisica e mentale.

In persone con ridotta motilità intestinale può provocare ostruzioni intestinali.

Infuso: 3-5 gr in 200ml di acqua bollente in infusione per 20 min, 3 volte al giorno.

 

BIANCOSPINO:

è un arbusto spinoso di cui vengono utilizzati i fiori, le foglie, le gemme e i frutti.Come calmare l'ansia

Alcuni autori la consigliano fortemente nei casi di ansia altri pur attribuendole attività ansiolitica si concentrano sulla loro azione sulla insufficienza cardiaca.

A causa di questa azione sul sistema cardiaco devono fare particolare attenzione coloro che soffrono di scompenso cardiaco, e pertanto da prendere solo sotto stretto controllo medico. Non associarlo a farmaci betabloccanti e calcio antagonisti.

Infuso: 3-5 gr in 200ml di acqua bollente in infusione per 30 min, 2-3 tazze al giorno.

 

LUPPOLO:

è una pianta perenne a fusto rampicante di cui si utilizzano le infiorescenze femminili. Gli studi clinici in genere sono stati effettuati associando il luppolo ad altre piante quali ad es. la valeriana, con effetti sedativi e benefici nei disturbi del sonno.Come calmare l'ansia

Da non usare in gravidanza, in caso di neoplasie al seno e in pazienti mastectomizzate. Non assumere insieme ad antidepressivi, anticonvulsivanti e antiepilettici.

Possibili reazioni allergiche e dermatiti da contatto.

Infuso: 1-3 gr in 150 ml di acqua bollente in infusione per 30 min, 3 volte al giorno.

 

PRIMULA:

è una piccola pianta erbacea di cui si utilizzano i fiori e i rizomi con indicazioni diverse in quanto contengono diversi principi attivi. Come calmare l'ansia

Pur non essendoci evidenze cliniche nella British Herbal Pharmacopoeia viene indicata per ansia, insonnia, irritabilità, associata ad altre piante ad azione simile.

Infuso: 2-3 gr di fiori in 150ml di acqua bollente in infusione per 20 min, 2-3 volte al giorno.

 

RODIOLA:

è una pianta erbacea perenne, spontanea in molte zone montagnose e fredde, di cui viene usato il rizoma.

Ha una azione adattogena che aumenta la resistenza contro stress fisici, chimici e biologici. Test clinici hanno dimostrato l’efficacia nel ridurre il senso di fatica e stress in determinate condizioni di vita stressanti (ad es. studenti sotto esami)

 

SALICE:

Come calmare l'ansia

è un albero dioico di cui si utilizzano la corteccia dei rami giovani, le foglie e le gemme.

Non ci sono evidenze cliniche e farmacologiche ma la tradizione la indica nelle fibromialgie con doppia azione antidolorifica e ansiolitica.

 

VALERIANA:

è una pianta erbacea perenne che cresce ne luoghi umidi di cui vengono utilizzate le radici di 2-3 anni.Come calmare l'ansia

Studi farmacologici e clinici hanno evidenziato una azione sedativa, spasmolitica e di regolazione del sonno.

Non sembra interferire con i livelli di concentrazione o con i riflessi.

Non assumere in contemporanea con farmacia attivi sul sistema nervoso centrale e analgesici oppioidi

 

CAMOMILLA:

è una pianta erbacea di cui vengono utilizzati i capolini fioriti. Ha una blanda azione sedativa che aumenta in associazione con altri prodotti sedativi.  Non assumere con anticoagulanti per possibile aumento dell’effetto.

 

IPERICO:

è anche detta erba di San Giovanni. È una pianta erbacea di cui si utilizzano i fiori e le sommità fiorite.Come calmare l'ansia

Molti studi clinici e farmacologici hanno evidenziato una attività antidepressiva per la depressione lieve e moderata.

È fotosensibilizzante, quindi non esporsi al sole se si prendono prodotti a base di iperico. Non utilizzare in gravidanza e allattamento.

Interagisce con molti farmaci, ad es. digossina, warfarin, pillola contraccettiva e molti altri.

 

KAVA:

è un arbusto perenne delle isole della Polinesia e Tahiti, di cui si utilizzano le radici.Come calmare l'ansia

Ha proprietà sedative, anticonvulsivanti, anestetico-locali e miorilassanti. Studi clinici hanno dimostrato una buona efficacia, quelli verso l’insonnia sono ancora preliminari.

Può provocare disturbi gastrointestinali, fotosensibilizzazione, emicrania, dermopatie. Può provocare epatotossicità ed in alcuni paesi è stata ritirata.

Non utilizzare in gravidanza, allattamento e insieme a farmacia attivi sul sistema nervoso centrale.

 

LAVANDA:

Come calmare l'ansia

è un piccolo arbusto perenne sempreverde, le cui foglie hanno colore grigio-verde, di cui vengono utilizzate le sommità fiorite costituite da uno stelo nudo alla cui sommità portano le infiorescenze di colore blu-violetto che contengono un olio essenziale molto profumato. Esistono diverse varietà di lavanda utilizzate ma la varietà che si utilizza principalmente per il suo più alto contenuto di principi attivi è la Lavandula Angustifolia. Si assume per via orale e, pur non essendoci evidenze scientifiche, viene usato tradizionalmente per i lievi disturbi del sonno.

Come calmare l'ansiaESCHSCHOLTZIA:

è una piccola pianta annuale originaria della California. La parte utilizzata sono le parti aeree fiorite. È usata tradizionalmente per i disturbi minori del sonno.

 

N.B.: Le piante sono un laboratorio chimico di principi attivi che possono avere effetti benefici e/o essere tossici, in base al tipo ed alla quantità. Quindi benché generalmente ben tollerati, tranne per eventuali allergie specifiche, i prodotti a base naturale si devono prendere con cautela e rispettando le dosi consigliate. Per la cura di patologie è opportuno chiedere un consiglio medico.

 

Bibliografia:

……….

Sebbene i contenuti del presente articolo siano curati con scrupolosità, si declina ogni responsabilità di eventuali errori o lacune nei contenuti, o di danni diretti, indiretti, consequenziali o di qualsiasi altro tipo di danno in ogni modo connesso all’utilizzo del presente sito web o delle funzionalità contenute in esso. I contenuti possono essere oggetto di aggiornamento e/o miglioramento senza preavviso e senza periodicità.

Si declina ogni responsabilità per i contenuti dei siti terzi ai quali i links del presente sito possono rimandare. I links esterni sono forniti ai soli fini pratici e ciò non è in alcun modo da ritenersi approvazione del contenuto di detti siti terzi e neppure garanzia del loro aggiornamento o della loro adeguatezza.

……….

Questo non è un blog medico, le indicazioni qui riportate hanno scopo puramente informativo.

_______________________________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Mal di testa: c’è sempre una causa

Guerrieri stanchi di lottare un saggio di Samantha Fumagalli

_______________________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code