Perchè cresce il consumo di farmaci da automedicazione

Perchè cresce il consumo di farmaci da automedicazione?

farmaci automedicazioneÉ lecito porsi questa domanda dato che negli ultimi anni si sta verificando un aumento rilevante che ha impatti di tipo commerciale, e che ci mostra un cambiamento di tipo culturale nella gestione della malattia.

Non si tratta di un semplice voler fare di testa propria , oppure volersi improvvisare competenze mediche che non si posseggono. Questa tendenza non è neppure classificabile in una superficiale ignoranza, nel volersi affidare a cure improvvisate, nel voler utilizzare quel farmaco da banco che per quell’amico o per quella zia ha funzionato.

In realtà la scolarizzazione e l’aumento della cultura media, hanno una conseguenza normale: tutti siamo più informati.

Ma siamo davvero più informati?

É innegabile che l’accesso ai mezzi di informazione da parte dell’utente medio oggi è sempre maggiore. Ognuno di noi può leggere articoli, riviste specializzate, libri e informarsi in maniera dettagliata sui farmaci da banco, sulle loro caratteristiche, funzioni e controindicazioni.

farmaci automedicazioneCome sottolineano i dati di alcune indagini, come quella pubblicata qualche mese fa dal Corriere della Sera, su campione di popolazione che va dai 18 ai 28 anni, circa il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta.

Questo dato è significativo di un forte cambiamento nelle abitudini degli utenti medi, ed apre il dibattito sulle conseguenze negative che possono generarsi, non soltanto per la cura di piccoli disturbi, ma anche di fastidi gravi o che si prolungano nel tempo.

 

Quali possono essere le conseguenze negative dell’automedicazione?Risultati immagini per farmaci automedicazione
  • Innanzitutto ci si preoccupa del ricorso sempre più frequente ad un’informazione on-line che potrebbe non essere sufficientemente precisa o accurata. Ci sono moltissimi siti web che parlano di medicina ma non tutti sono affidabili, o accreditati.
  • In secondo luogo la modifica del rapporto di fiducia con il medico di famiglia, che fino a qualche anno fa rappresentava un vero e proprio pilastro per le decisioni sulla salute.
  • In terzo lungo gli utenti solitamente hanno la percezione sbagliata che i farmaci da banco e gli integratori siano leggeri, con un’efficacia bassa o limitata. Questa falsa percezione può condurre ad un abuso di sostanze che in realtà possono provocare più fastidi di quelli che intendono curare.
Come utilizzare i farmaci da banco in modo sicuro?
  • Accertarsi sempre dell’affidabilità delle fonti di informazione, e comparare sempre diverse fonti in caso di dubbio.
  • Il medico di famiglia ha modificato il proprio ruolo e il proprio approccio rispetto ad alcuni anni fa. Il medico generico, proprio perchè generico tende a fornire poche risposte immediate, e per la maggior parte tende a prescrivere al paziente una visita specialistica. In questi casi il farmaco di automedicazione dovrebbe essere una soluzione temporanea, fino alla visita specialistica che consenta di trovare una cura adatta, e definitiva.
  • Ricordare che i farmaci, i farmaci da banco, e gli integratori hanno tutti un’influenza sul nostro organismo, hanno tutti delle controindicazioni anche se apparentemente non sembrerebbe, per cui non bisogna mai abusare o prolungare nel tempo una cura di automedicazione.
  • I medicinali da banco dovrebbero alleviare il singolo “sintomo” momentaneo ma non sono pensati per eliminare la causa di quel sintomo. É bene rivolgersi a un medico, o approfondire nel caso di disturbi prolungati di cui non è stata individuata la causa.

 

Come comportarsi in caso di sintomi che non passano?

farmaci automedicazioneIl dolore è un campanello di allarme!

Prendi il tuo farmaco da banco e il dolore passa. Ma poi quel fastidio o quel sintomo ritorna. Trascorrono un paio di settimane, magari un paio di mesi, ma poi ti ritrovi con lo stesso problema, e persino più grave di prima.

Se il tuo organismo ha un disturbo che si ripete frequentemente l’unico consiglio valido è: meglio indagare.

Facciamo un esempio che colpisce moltissime persone: “ogni tanto ho mal di testa“.

Che cosa intendiamo per ogni tanto?

Vediamo tutti i giorni in TV decine di pubblicità che ci dicono quali sono i farmaci da banco più efficaci per combattere il mal di testa ed è sufficiente recarsi presso la farmacia più vicina per acquistarli. Ma se il disturbo si ripete troppo frequentemente è evidente che qualcosa non va. Magari c’è una causa banale, una stanchezza eccessiva, occhiali da vista non più idonei, oppure c’è una causa meno esplicita e quindi più difficile da individuare, come ad esempio un’allergia (vedi l’articolo Mal di testa: c’è sempre una causa).

Un dolore o un sintomo può anche avere una causa psicosomatica. Accade molto più frequentemente di quel che si potrebbe pensare, in tal caso bisogna individuare la causa dello stress psicologico affinchè il sintomo svanisca.

É dunque importante indagare per individuare la causa di un sintomo che si verifica frequentemente, anzichè limitarsi a utilizzare il farmaco da automedicazione,. É importante risolvere un problema di salute alla radice.

……….

Questo non è un blog medico, le indicazioni qui riportate hanno scopo puramente informativo.

___________________________________________

Link per approfondire gli argomenti di questo articolo:

Ministero della salute

http://www.epicentro.iss.it/farmaci/OsMed.asp

http://www.aifa.gov.it/content/rapporto-osmed-2015-consumo-dei-farmaci-e-categorie-pi%C3%B9-prescritte

https://www.federfarma.it/Edicola/FiloDiretto/Filodiretto/maggio2017/11-05-2017-00-49-38.aspx

http://www.corriere.it/salute/17_gennaio_19/pazienti-italiani-ben-informati-gestire-l-automedicazione-c7ea5476-de57-11e6-93cd-d08bed2f6059.shtml

___________________________________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Mal di testa: c’è sempre una causa

Mal di testa e Allergie

Allergia al Nichel: dieta e disintossicanti

___________________________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code