Quanto tempo ci vuole per disintossicarsi dal nichel

quanto tempo ci vuole per disintossicarsi dal nichelQuanto tempo ci vuole per disintossicarsi dal nichel?

Questa è una delle prime domande che si pone chi scopre di essere intossicato dal nichel.

Inizialmente chi soffre di allergia sistemica a questo metallo cerca di eliminare dalla propria dieta tutti gli alimenti che lo intossicano e quindi cerca di condurre quella che viene definita una dieta disintossicante dal nichel.

Nell’articolo Allergia al Nichel: dieta e disintossicanti ho elencato la maggior parte degli alimenti di uso più comune, suddivisi in base al loro contenuto di nichel; perché mi rendo conto che per disintossicarsi è necessario eliminare dalla propria dieta tutto ciò che l’organismo non sopporta. La dieta è quindi fondamentale!

Ciò di cui  si accorge chi si è sottoposto alle prove allergiche (il cosiddetto patch test) ed ha accertato la propria intolleranza è che tantissimi alimenti contengono nichel, e quindi la prima reazione è: “Non posso più mangiare nulla!” Oppure: “devo rinunciare a tutti i miei alimenti preferiti, per sempre!”

Se questa è la tua paura… Niente pessimismo! Nulla è definitivo!

Dopo esserti disintossicato vedrai che poco alla volta potrai ripristinare (anche se con cautela) quasi tutti gli alimenti, e avere un’alimentazione normale.

Ovviamente il primo periodo ti costringerà ad alcune privazioni, e nel caso tu abbia difficoltà a strutturare una dieta equilibrata puoi chiedere consiglio a un dietista.  Accertati che si tratti di un medico che si occupi di patologie e di intolleranze, perché non tutti i cosiddetti specialisti sono preparati ad affrontare il tema allergie.

Ma quanto dura questo periodo di astinenza? Quanto tempo ci vuole per disintossicarsi dal nichel?

Ovviamente non esiste un’unica risposta perché dipende da tanti fattori. Dipende da quanto tempo il tuo organismo intossicato, e dipende anche dall’attività lavorativa che svolgi, se per esempio sei a contatto diretto costante con oggetti o sostanze che contengono nichel. E poi dipende anche da quali integratori utilizzi per disintossicarti più velocemente. Io ho utilizzato la Zeolite Attivata che è davvero la più efficace, ed altri disintossicanti naturali. Oltretutto potrebbe essere necessario ripetere dei cicli disintossicanti (per la mia esperienza un ciclo efficace dovrebbe avere la durata di 30 giorni) per ottenere risultati duraturi per qualche mese successivo.

Per quanto mi riguarda ho preso l’abitudine di bere una tisana depurativa ogni mattina prima di fare colazione, e questo influisce sul raggiungimento di mio un equilibrio fisico. Ci sono in commercio ottime tisane depurative, anche al supermercato, ma se vuoi qualcosa di più mirato ti consiglio di chiedere in erboristeria.

Inoltre quando mi capita di sentire che le mani cominciano a prudere, capisco che i sintomi tendono a tornare (ovviamente ognuno di noi ha una sintomatologia diversa, per cui si rende conto che qualcosa non va), allora mi basta preparare una bevanda veloce con:

  • un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente,
  • mezzo cucchiaino di curcuma in polvere (va bene la spezia che si trova al supermercato),
  • un pizzico di pepe nero o bianco.
  • Mescolo e bevo (anche 2 o 3 volte nell’arco della giornata)

Questo è sufficiente a ripulire l’organismo rapidamente dalle scorie di nichel.

Se dovesse essere necessario ripeto l’assunzione della bevanda per un paio di giorni consecutivi.

Inoltre dopo i primi tre mesi dall’inizio della mia dieta disintossicante mi sentivo già bene, e dopo un anno avevo eliminato quasi del tutto i disturbi (in particolare le reazioni cutanee, la cosiddetta disidrosi, e i mal di testa). Conosco altre persone che dopo circa un anno hanno eliminato del tutto o quasi del tutto i sintomi di cui soffrivano.

Puoi considerare quindi un periodo dai tre ai sei mesi per ottenere risultati tangibili, e il periodo di un anno come tempistica media per sentirti effettivamente disintossicato.



 

Basta la dieta?

Anche se l’alimentazione è importante voglio ricordarti che la dieta non è l’unico elemento da tenere sotto controllo per riuscire a disintossicarsi rapidamente.

Anche perchè i cibi che noi consumiamo non contengono una quantità di nichel eccessiva per il nostro organismo. Il fatto è che però i cibi sono lavorati prima di arrivare alla nostra tavola e, nella maggior parte dei casi, è proprio questa lavorazione che porta ad un aumento della quantità di nichel che assumiamo tramite gli alimenti.

Lo stesso livello di attenzione deve essere quindi attribuito alle sostanze detergenti, agli oggetti che utilizzi e agli indumenti che indossi.

Nell’articolo 10 consigli per contrastare l’allergia al Nichel ho cercato di fornire qualche indicazione utile a questo riguardo.

Se al giorno d’oggi l’allergia al nichel è diventata molto più diffusa rispetto a trent’anni fa è proprio perché siamo molto più spesso a contatto con sostanze che contengono nichel.

Utilizziamo troppi detersivi, cosmetici e indossiamo troppi indumenti in fibra sintetica o che contengono coloranti aggressivi. Inoltre utilizziamo costantemente strumenti tecnologici ad alto contenuto di nichel.

 

Dopo esserti disintossicato?

Dopo esserti disintossicato, e soprattutto dopo aver ridotto drasticamente il contatto diretto e indiretto con oggetti contenenti nichel, ti renderai conto che l’alimentazione era solo una parte del problema, comincerai a riflettere di più sulla necessità di trovare un equilibrio in generale nella scelta di ciò che ti fa stare bene.

I malesseri fisici hanno anche un substrato psicologico. A molte persone accade di riscontrare per la prima volta un sintomo in seguito a un periodo di forte stress emotivo.

Non intendo addentrarmi qui sull’indagare argomenti di natura psicologica o spirituale, e non intendo  indagare su quali possono essere le cause che scatenano una reazione allergica, perché ritengo che non esista un’unica risposta, e che ognuno di noi possa sottostare a un insieme di concause non sempre facili da individuare.

Voglio solo sottolineare il fatto che in caso di sintomi comparsi contestualmente a un periodo di stress, il superamento di tale periodo e il ritrovamento di un equilibrio interiore potrà portare a una minore sensibilità agli allergeni. Così poco alla volta avrai la possibilità di integrare la tua alimentazione con una maggiore varietà di cibi.

 

Mi auguro di esserti stata utile con la mia esperienza. E ti auguro di disintossicarti dal nichel nel più breve tempo possibile.

Sarei lieta di poter ricevere un tuo  commento alla fine di questo articolo come spunto per migliorare e per aiutare altre persone. Grazie.

 

……….

Questo non è un blog medico, le indicazioni qui riportate non hanno scopo terapeutico ma puramente informativo.

_________________________________________

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Mal di testa e Allergie

Come usare la curcuma: un disintossicante, un antidolorifico e anche un antitumorale

Come disintossicarsi dal nichel con il Limone

Come calmare l’ansia con le erbe

_________________________________________

Per approfondire gli argomenti di questo articolo:

https://it.wikipedia.org/wiki/Patch_test

_________________________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code