Racconto: “Il naso che scappa” di Gianni Rodari

Gianni Rodari TITOLO: Il naso che scappa

AUTORE:  Gianni Rodari

GENERE: narrativa per bambini
NOTE: racconto inserito nella raccolta Favole al telefono
Il signor Gogol ha raccontato la storia di un naso di Leningrado, che se ne andava a spasso in carrozza e ne combinava di tutti i colori. Una storia del genere è accaduta a Laveno, sul Lago Maggiore. Una mattina un signor e che abitava proprio di fronte al pontile dove si prendono i battelli si alzò, andò in bagno per farsi la barba e nel guardarsi allo specchio gridò:
– Aiuto! Il mio naso!

Il naso, in mezzo alla faccia, non c’era più, al suo posto c’era tutto un liscio. Quel signor e, in vestaglia come stava, corse sul balcone, giusto in tempo per vedere il naso che usciva sulla piazza e si avviava di buon passo verso il pontile, sgusciando tra le automobili che si stavano imbarcando sulla motonave traghetto per Verbania.

– Ferma, ferma! – gridò il signore. – Il mio naso! Al ladro, al ladro!
La gente guardava in su e rideva:
– Le hanno rubato il naso e le hanno lasciato la zucca?
Brutto affare.
A quel signore non rimase che scendere in strada e inseguire il fuggitivo, e intanto si teneva un fazzoletto davanti alla faccia come se avesse il raffreddore. Purtroppo arrivò appena in tempo per vedere il battello che si staccava dal pontile. Il signore si buttò coraggiosamente in acqua per raggiungerlo, mentre passeggeri e turisti gridavano: Forza! Forza!
Ma il battello aveva già preso velocità e il capitano non aveva nessuna intenzione di tornar e indietro per imbarcare i ritardatari.
– Aspetti l’altro traghetto, – gridò un marinaio a quel signore, – ce n’è uno ogni mezz’ora!
Il signore, scoraggiato, stava tornando a riva quando vide il suo naso che, steso sull’acqua un mantello, come San Giulio nella leggenda, navigava a piccola velocità.
– Dunque non hai preso il battello? E stata tutta una finta? – gridò quel signore.
Il naso guardava fisso davanti a sé, come un vecchio lupo di lago, e non si degnò neanche di voltarsi. Il mantello ondeggiava dolcemente come una medusa.
– Ma dove vai? – gridò il signore.
Il naso non rispose, e il suo disgraziato padrone si rassegnò a raggiungere il porto di Laveno e a passare in mezzo alla folla di curiosi per tornare a casa, dove si tappò, dando ordine alla domestica di non lasciar entrare nessuno, e passava il tempo a guardarsi nello specchio la
faccia senza naso. Qualche giorno dopo un pescatore di Ranco, tirando su la rete, ci trovò il naso fuggitivo, che aveva fatto naufragio in mezzo al lago perché il mantello era pieno di buchi, e pensò di portarlo al mercato di Laveno.
La serva di quel signore, che era andata al mercato per comprare il pesce, vide subito il naso, esposto in bella vista in mezzo alle tinche e ai lucci.
– Ma questo è il naso del mio padrone! – esclamò inorridita. – Datemelo subito che glielo porto.
– Di chi sia non so, – dichiarò il pescatore, – io l’ho pescato e lo vendo.

– A quanto?
– A peso d’oro, si sa. È un naso, non è mica un pesce persico.
La domestica corse a informare il suo padrone. – Dagli quello che domanda! Voglio il mio naso!
La domestica fece il conto che ci voleva un sacco di denaro, perché il naso era piuttosto grosso: ci volevano tremendamila lire, tredici tredicioni e mezzo. Per mettere insieme la somma dovette vendere anche i suoi orecchini, ma siccome era molto affezionata al suo padrone li sacrificò con un sospiro. Comprò il naso, lo avvolse in un fazzoletto e lo portò a casa. Il naso si lasciò ricondurre buono buono, e non si ribellò nemmeno quando il suo padrone lo accolse tra le mani tremanti.
– Ma perché sei scappato? Che cosa ti avevo fatto? Il naso lo guardò di traverso, arricciandosi tutto per il disgusto, e disse: – Senti, non metterti mai più le dita nel naso. 0 almeno tagliati le unghie.__
__________________________________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code