Un caso quasi privato: un romanzo in cui la spiaggia si tinge di giallo

“Un caso quasi privato” è il titolo del secondo romanzo di Silvana Meloni.

La prima impressione di questa lettura è che sia un romanzo “artigianale”: l’editing non è curato, la forma non sempre è fluida, il ritmo narrativo non è incalzante. Tutte caratteristiche che possono rilevarsi facilmente in un’autopubblicazione.

Nonostante queste carenze tecniche “un caso quasi privato” è un giallo che fa piacere leggere, che viene voglia di sapere come finirà.La storia si avvia in una spiaggia della Sardegna dove la protagonista Vera, avvocatessa, è distesa a prendere il sole. La donna stringe la mano ad una sconosciuta e subito dopo si ritrova a diventare il difensore della principale indiziata per un caso di omicidio.

In particolare è bella la costruzione del personaggio di Elena, una figura piena di contraddizioni che ognuno dei personaggi descrive in modo diverso, e che incuriosisce il lettore per le tante ombre che la contraddistinguono. Il motore della storia si dipana proprio nel suo ruolo che cambia continuamente, pagina dopo pagina.

Il finale è incalzante, ben pesato ed il cerchio si chiude quando tutti i pezzi del puzzle si ricompongono per dare un volto al colpevole.

La chiusura del romanzo è leggera e lascia il lettore con un sorriso.

_______________________________

Altri post che potrebbero interessarti:

Il gioco dell’angelo: un libro che non si dimentica

Terrarancia: un libro che parla di cambiamento

Hic Sunt Leones: chi scompare non scompare nel nulla

_______________________________

Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code